Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

Condominio

COME OTTENERE SCONTO IN FATTURA O CESSIONE DEL CREDITO PER INFISSI E CALDAIE

Attraverso un emendamento approvato nell’iter di conversione in legge del DL 11/2023, è possibile fruire di sconto in fattura o cessione del credito per la sostituzione di infissi e caldaie e per altri interventi di edilizia libera, a patto che venga dimostrato l’avvio dei lavori entro il 16 febbraio 2023.

Tra gli emendamenti approvati dalla Commissione Finanze alla Camera relativi al DL 11/2023, detto anche “Decreto Cessioni” o “Decreto Blocca Cessioni”, uno riguarda la possibilità di fruire dello sconto in fattura o della cessione del credito per le spese sostenute inerenti all’acquisto e sostituzione di infissi, caldaie e altri lavori di edilizia libera, purché vengano rispettate alcune condizioni.

Nello specifico, l’emendamento approvato autorizza l’uso di sconto in fattura o cessione del credito a patto che venga dimostrato che i lavori siano stati avviati entro la data del 16 febbraio 2023, anche se non ancora realizzati.

Per provare questa condizione sarà possibile presentare o il documento relativo al pagamento tramite bonifico che dimostri che sia stato versato l’acconto entro il 16 febbraio 2023, o l’esistenza di un accordo vincolante tra fornitore e acquirente relativo alla fornitura dei beni e servizi oggetto dei lavori (sempre entro il 16 febbraio 2023), oppure un’autocertificazione del cedente o committente e del cessionario o prestatore.

Attraverso la presentazione dei citati documenti, quindi, si potrà dimostrare che i lavori sono stati avviati entro il 16 febbraio 2023 e che il contribuente ha diritto a scegliere di fruire della corrispondente agevolazione anche nelle forme di cessione del credito o sconto in fattura, in alternativa alla detrazione Irpef.

Importante evidenziare che tale emendamento non riguarda i lavori agevolati attraverso il superbonus, ma quelli che rientrano in altre agevolazioni come ecobonus al 50% per la sostituzione di infissi e caldaie o quelli realizzabili in regime di edilizia libera.

In questo modo è stato risolto il problema sollevato da varie associazioni di settore, ovvero l’impossibilità di dimostrare che l’intervento è stato avviato entro il 16 febbraio 2023, visto che per gli interventi di edilizia libera la data di inizio lavori non è indicata in alcun titolo abitativo o comunicazione.

Potrebbe interessarti anche: CESSIONE DEL CREDITO E SCONTO IN FATTURA, LE ULTIME NOVITÀ

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Condominio

La conversione in legge del Decreto Energia ha stabilito un’ulteriore proroga di sei mesi dei termini relativi ai titoli abilitativi in corso o formatisi...

Condominio

L’Agenzia delle Entrate torna sul tema del bonus ristrutturazione nel caso in cui sia il familiare convivente a voler usufruire delle relative agevolazioni fiscali....

Condominio

Per ristrutturare un fabbricato rurale è possibile usufruire del bonus ristrutturazioni al 50%? Di seguito i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. L’Agenzia delle Entrate torna...

Condominio

L’ANAPI organizza un webinar gratuito dedicato agli amministratori di condominio per approfondire le novità introdotte dalla Riforma Cartabia. Il webinar si terrà il 29...