Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

Turismo, Viaggi

TURISMO ENOGASTRONOMICO, LEVA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITÀ

La sostenibilità è oggi un elemento centrale per il turismo, soprattutto vista l’attenzione che i turisti riservano a questo tema e al turismo enogastronomico. Infatti, aumentando la popolarità di alcune destinazioni e delle produzioni locali si va a generare ricchezza e ad aprire nuove opportunità per aumentare la tutela e la valorizzazione del territorio, in special modo nelle aree rurali dove c’è una maggior concentrazione di eccellenze agroalimentari e vitivinicole italiane. Questo vale sia per la filiera del turismo che per quella dell’agricoltura. Ad evidenzialo è il “Rapporto Turismo Enogastronomico e Sostenibilità”, a cura di Roberta Garibaldi, con i contributi dei maggiori esperti nazionali ed internazionali ed il supporto di Unioncamere e Rete Valpantena.

Il Rapporto evidenzia da una parte il cambiamento della domanda, con un consumatore sempre più orientato verso una condotta sostenibile che porta a scelte precise di destinazione, attività svolte e conseguenze socio-ambientali. E, dall’altra, la necessità di un cambio di passo a livello di visione strategica dell’offerta. Si avverte il bisogno di azioni politiche in grado di gestire i flussi in modo più sostenibile, rilanciare in ottica green e social le economie del cibo dalla produzione al consumo… In sostanza, passare all’azione”.

Roberta Garibaldi, Roberta Garibaldi| Presidente Associazione Italiana Turismo Enogastronomico – Autore e coordinatore della ricerca
MUOVERE I FLUSSI TURISTICI

Sebbene l’attrattiva del turismo enogastronomico tra i viaggiatori italiani sia alta, la concentrazione maggiore, soprattutto se si parla di turisti stranieri, è rivolta alle destinazioni più note del nostro Paese. Questa disomogeneità del flusso turistico ha portato il 47% dei viaggiatori internazionali a riversarsi in sole 6 provincie: Venezia (12%), Bolzano e Roma (9%), Milano (6%), Verona e Firenze (5%). Questo non accade con gli italiani che, invece, preferiscono andare alla scoperta di mete meno affollate e famose tra cui le aree rurali.

CONNETTERE AREE URBANE E RURALI

Valorizzare l’enogastronomia nel settore del turismo potrebbe portare a risolvere il problema dell’overtourism spostando in maniera omogenea i visitatori verso le aree a minor flusso. Per farlo occorre realizzare una connessione tra aree urbane e aree rurali attraverso, ad esempio, la creazione di hub enogastronomici o itinerari turistici che comprendano sia i grandi attrattori che i centri minori. Per realizzarli, però, è fondamentale migliorare l’accessibilità nei territori rurali per consentire ai viaggiatori di accedere alle varie esperienze del territorio. Senza i giusti collegamenti, infatti, alcune destinazioni rimarranno “escluse” dalla gran parte dei flussi turistici.

TUTELARE IL PATRIMONIO ENOGASTRONOMICO

La perdita della biodiversità alimentare e della cultura culinaria italiana potrebbe causare gravi danni all’intero sistema-Paese. Per contrastare la perdita del nostro patrimonio enogastronomico il turismo ha un ruolo chiave. Oltre a incrementare le entrate da investire nel sistema agricolo può contribuire ai processi di tutela e valorizzazione del territorio. La candidatura della cucina italiana nell’elenco Unesco può essere di grande aiuto nella realizzazione di questo obiettivo. Altro punto importante è quello di valorizzare gli artigiani e i luoghi storici del gusto visitati da almeno un italiano su tre durante i propri viaggi.

CULTURA ENOGASTRONOMICA E SALUTE

L’esperienza turistica enogastronomica, inoltre, può rappresentare anche un’opportunità per acquisire abitudini più salutari, aumentare la consapevolezza nutrizionale e fornire indicazioni utili per migliorare le proprie abitudini alimentari. Il viaggio può trasformarsi in un vero e proprio percorso per ritrovare il benessere psico-fisico coniugando l’enogastronomia locale ad attività sportive leggere (tour a piedi ed in bicicletta tra i vigneti, uliveti, …).

Inoltre, può contrastare le cattive abitudini alimentari e la sedentarietà che colpisce la maggior parte della popolazione. In Italia, infatti, la cattiva alimentazione è il secondo fattore di rischio per la salute dopo il fumo. Secondo l’Istat il 46,2% della popolazione italiana sopra i 18 anni è in eccesso di peso ed il 44,8% (dati Ocse) è al di sotto del livello minimo di 150 minuti di attività fisica settimanale. A preoccupare maggiormente è la sedentarietà nei giovani: il 94,5% dei bambini italiani, infatti, non raggiunge i minuti giornalieri di attività raccomandati dall’Ocse stesso.

Si può contrastare questa tendenza incrementando nelle scuole un percorso formativo di educazione alimentare includendo, ad esempio, la visita presso produttori locali e/o artigiani del cibo per mantenere una buona conoscenza del nostro patrimonio e migliorando la salute pubblica.

GLI EFFETTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Oltre a subire gli effetti negativi del cambiamento climatico, l’agricoltura ed il turismo ne sono anche in parte la causa. Per mitigare gli effetti occorre dare risposte a livello locale. Il turismo enogastronomico può essere una risposta poiché unisce la scoperta del territorio a pratiche agricole sostenibili che rispettano l’ambiente e garantiscono prodotti sicuri e di qualità.

VERSO UN TURISMO SOSTENIBILE

I viaggiatori italiani sono sempre più attenti alla sostenibilità in viaggio. Tuttavia, questa sensibilità deve tradursi in comportamenti responsabili e concreti per essere realmente sostenibili. Le attenzioni maggiori sono rivolte verso la riduzione dello spreco di cibo durante i pasti fuori casa (65%), fare acquisti presso negozi gestiti da locali e/o piccoli produttori (50%) ed informarsi sulle usanze e tradizioni locali prima della partenza (46%).

La sostenibilità diventa anche un driver di scelta per i nuovi turisti. Il 68% degli italiani, infatti, preferisce fare esperienze di viaggio in aziende che hanno progetti a supporto della comunità locale, mentre il 67% predilige l’opportunità di fare acquisti presso i piccoli produttori di zona.

Inoltre, gli italiani valutano prima della partenza la sostenibilità della meta e se possibile scelgono di alloggiare in strutture green, raggiungere la meta con mezzi a basso impatto ambientale e prediligono la bicicletta per spostarsi localmente durante il viaggio.

È TEMPO DI PASSARE ALL’AZIONE

Per rispondere alle nuove esigenze è fondamentale per le aziende del turismo enogastronomico passare all’azione e trasformare questa necessità in valore aggiunto. Occorre essere sostenibili e comunicarlo affinché i turisti reali e potenziali siano stimolati all’acquisto. Esiste, infatti, una correlazione positiva tra il livello di sostenibilità di un’impresa e la sua produttività: studi recenti rivelano che le aziende altamente sostenibili sono il 10,2% più produttive di quelle che non adottano alcuna iniziativa.

Infine, è fondamentale che chi governa il turismo promuova, su tutto il territorio nazionale, l’adozione di approcci sostenibili nei prodotti, servizi ed esperienze a tema enogastronomico. Questo può avvenire, secondo quanto riportato nel report, attraverso azioni di soft power – modifiche normative, formazione, scambio di conoscenze – o attraverso incentivi e infrastrutture funzionali allo scopo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Viaggi

La Maremma, situata nella parte sud-orientale della Toscana, è una destinazione imperdibile per gli amanti della bellezza e del buon cibo. È una gemma...

Turismo

Lo Stretto come culla di storia, tradizione e rilancio economico. Questo è il principio che sta alla base di una delle iniziative che caratterizzano...

Ambiente, Ricorrenze

Per aumentare la consapevolezza di tutti i benefici che comporta l’uso della bicicletta, le Nazioni Unite hanno istituito nel 2018 una giornata tutta dedicata...

Viaggi

Anche per quest’anno sono state assegnate le “Bandiere Blu 2024”, un riconoscimento assegnato dalla Foundation for Environmental Education (FEE) alle località costiere che soddisfano...