Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

Condominio

DETRAZIONI PER L’ACQUISTO DEL BOX AUTO

È possibile portare in detrazione l’acconto versato per l’acquisto di un box auto? Come va effettuato il pagamento? Di seguito la risposta del Fisco.

L’Agenzia delle Entrate torna sul tema delle agevolazioni legate all’acquisto del box auto rispondendo a un quesito posto da un contribuente attraverso la rubrica online “La Posta di FiscoOggi”.

Nel caso analizzato, un contribuente ha scritto all’Agenzia delle Entrate spiegando che sta acquistando un box auto che un’impresa edile sta realizzando. Il contribuente verserà un acconto della somma pattuita a breve, mentre l’atto di compravendita verrà stipulato nel 2024.

Il contribuente si è rivolto, quindi, al Fisco per chiedere se può portare in detrazione l’acconto versato e se può pagare con assegno oppure con bonifico.

In risposta, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato che, se ricorrono tutte le altre condizioni previste dalla relativa normativa, la detrazione legata all’acquisto del box auto, pertinenziale ad un’unità abitativa di proprietà del contribuente, spetta anche in relazione ai pagamenti effettuati con bonifico nel corso dell’anno e fino a concorrenza del costo di costruzione dichiarato dall’impresa, a patto che:

• sia stato registrato regolarmente il contratto di compravendita, entro la data di presentazione della dichiarazione in cui si intende far valere la detrazione;
• all’atto risulti la sussistenza del vincolo di pertinenzialità tra edificio abitativo e box auto.

Per poter fruire dell’agevolazione, quindi, è previsto che l’effettuazione del pagamento avvenga tramite bonifico bancario.

Il Fisco, però, prosegue stabilendo che come evidenziato nella Circolare n. 17/E del 26 giugno 2023 è possibile poter beneficiare della detrazione per l’acquisto del box anche se il pagamento è effettuato con mezzi diversi dal bonifico bancario, a patto che:

• il pagamento avvenga in presenza del notaio;
• l’acquirente ottenga dal venditore, oltre alla certificazione sul costo di realizzo del box, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio che attesti che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati inclusi nella contabilità dell’impresa ai fini della loro concorrenza alla corretta determinazione del reddito.

Ricordiamo, infine, che la detrazione fiscale per l’acquisto del box auto attualmente è pari al 50% delle spese sostenute, fino a un massimo di 96.000 euro e deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Condominio

È possibile usufruire del bonus mobili per l’acquisto di beni destinati ad un’abitazione anche in seguito a interventi di manutenzione straordinaria effettuati nel box...

Condominio

Con il Decreto Superbonus anche il Bonus Ristrutturazione è stato modificato. Sino alla fine del 2024 l’aliquota resterà al 50%, mentre dal 2025 scenderà...

Condominio

Tra le principali novità del DL 39/2024 le spese inerenti a Superbonus, Sismabonus e Barriere Architettoniche saranno detraibili in 10 anni con una retroattività...

Condominio

L’Agenzia delle Entrate chiarisce qual è la detrazione spettante per l’acquisto di un box auto pertinenziale e se può essere richiesta esclusivamente dal proprietario...