Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

digital health

Sanità

DIGITAL HEALTH E NUOVE TERAPIE DIGITALI

Quando si parla di digital health si tende a pensare esclusivamente alla telemedicina. In realtà questo settore riguarda un quadro molto più articolato, complesso e in rapida evoluzione. Attualmente esistono tecnologie innovative in grado di seguire i pazienti e fornire utili indicazioni e personalizzate strategie indispensabili per la salute del soggetto.

Tra i nuovi strumenti esistono nuove piattaforme virtuali che aiutano a gestire condizioni patologiche, integrabili quindi con altre tipologie di interventi terapeutici più canonici.

Per consentire un adeguato sviluppo della digital health, il quadro organizzativo e regolatorio del nostro Paese è fondamentale e la Fondazione Lilly ha organizzato un incontro dal titolo “Digital Health è il presente – il sistema è pronto?” per analizzare l’attuale situazione italiana.

Come è già avvenuto in altri Paesi europei, bisogna riconoscere il valore dell’innovazione. Nel futuro è indispensabile che la legislazione farmaceutica integri nell’attuale sistema di gestione del paziente gli sviluppi scientifici e la trasformazione tecnologica.

L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA SALUTE

Tra i futuri strumenti della salute abbiamo anche l’intelligenza artificiale. Valida per prevenzione, diagnosi, trattamenti migliori, monitoraggio terapeutico e dati per i medicinali personalizzati e per altre applicazioni sanitarie.

I farmaci verranno integrati con le tecnologie in una cura completa e personalizzata, in modo da aiutare pazienti affetti da malattie come diabete, depressione e patologie cardiache.

In realtà, le cure del futuro sono già attive oggi. Esistono oltre 250 tra terapie digitali (137) e strumenti di ‘digital care’ (122) attualmente disponibili in commercio o in fase di sviluppo.

LA DIGITAL HEALTH DEL FUTURO

Le prime vengono chiamate DTX e attualmente aiutano nel trattamento di malattie psichiatriche e neurologiche. Il loro principio attivo è un algoritmo e non una tradizionale molecola. Le DTX hanno un beneficio diretto sulla malattia e prevedono un coinvolgimento attivo del paziente. Consentono di realizzare percorsi terapeutici su misura, assicurando anche una maggiore appropriatezza prescrittiva.

Le DC o strumenti di “digital care” sono delle vere e proprie piattaforme virtuali per gestire condizioni patologiche a 360 gradi. Gli operatori del settore sanitario saranno coinvolti e tratteranno, ad esempio, malattie oncologiche (17%) e diabete (13%). Attraverso le medicine digitali (farmaci con integrati sensori) si può comunicare con il medico utilizzando un’applicazione che consente di verificare la corretta assunzione e di monitorare l’aderenza terapeutica.

Andrea Lenzi, Presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Coordinatore del Comitato Consultivo Fondazione Lilly, ha dichiarato:

“Il valore aggiunto delle DTx e delle DC sta nella loro capacità di fornire ai pazienti cure che richiedono un ridotto intervento medico in presenza. Questo è un vantaggio particolarmente prezioso nei pazienti cronici o con disturbi neurologici per la cui gestione è necessario un sistema sanitario ben organizzato ed efficiente. Non solo. Anche per i ricercatori clinici, le DTx e DC rappresentano un’opportunità per rimodellare il futuro degli studi clinici, permettendo la raccolta di dati in tempo reale, in larga scala, e facilmente condivisibili. Inoltre, le terapie digitali offrono maggiori benefici distributivi rispetto ad altri servizi sanitari e sono pronte ad aiutare un sistema sanitario sovraccaricato”.

LA DIGITAL HEALTH IN EUROPA

Per consentire a tutti i cittadini di beneficiare di queste innovazioni è indispensabile ottenere un aggiornamento del quadro normativo sia nazionale che europeo. Germania, Francia, Belgio e UK hanno già adottato dei percorsi ad hoc di accesso all’innovazione. L’Italia, invece, classifica le DC e DTX ancora come dispositivi medici. Huzur Devletsah, Presidente della Fondazione Lilly Italia, ha dichiarato:

“Fondazione Lilly ritiene che la definizione di un adeguato quadro organizzativo, normativo e regolatorio, possa rendere possibile l’inizio di una nuova era sanitaria per l’Italia, permettendo di trattare e gestire adeguatamente alcune patologie specifiche, con un conseguente miglioramento della qualità di vita dei pazienti, un aumento dell’efficienza dei percorsi di cura, un contributo all’efficientamento della spesa sanitaria e quindi un’opportunità per la sostenibilità e l’universalità del nostro sistema sanitario”.

L’EVOLUZIONE DELLA SALUTE

Una società più sana può nascere grazie al potenziale di questi nuovi strumenti. È indispensabile gestire in modo corretto i possibili rischi nel campo della sicurezza e le questioni di carattere etico, sociale e normativo per tradurre queste innovazioni nelle politiche, nei sistemi sanitari e, ovviamente, nella pratica clinica. L’Italia deve cogliere l’opportunità offerta dalla trasformazione digitale e dall’unione tra ricerca farmacologica e innovazione tecnologica per continuare ad essere uno dei migliori sistemi sanitari al mondo e garantire la salute pubblica dei propri cittadini, offrendo loro il meglio della ricerca e dell’innovazione.

Fonte: comunicato Fondazione Lilly.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Ambiente, Ricorrenze

Per aumentare la consapevolezza di tutti i benefici che comporta l’uso della bicicletta, le Nazioni Unite hanno istituito nel 2018 una giornata tutta dedicata...

Lavoro, Ricorrenze

“Nutriamo la salute”. Con queste poche ma significative parole la FNOPI (Federazione nazionale ordini delle professioni sanitarie) inaugura l’annuale Giornata internazionale dell’infermiere. Attraverso una...

Lavoro

Ieri, come ogni 28 aprile, si è celebrata la Giornata Mondiale della Sicurezza e della Salute sul Lavoro, un’importante occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica...

Sanità

In Italia, da tempo, si parla di trasformazione digitale del sistema sanitario e ora, grazie al PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), sembra...