Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

progetto UnderwaterMuse

Cultura

IL PROGETTO UNDERWATERMUSE E IL PATRIMONIO SOMMERSO

Il 24 e 25 settembre si è tenuto l’evento “Il patrimonio sommerso alla sfida della valorizzazione: il progetto UnderwaterMuse in Puglia” organizzato dalla Regione Puglia – Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio.

IL PROGETTO UNDERWATERMUSE

L’iniziativa è parte integrante del progetto UnderwaterMuse “Immersive Underwater Museum Experience for a wider inclusion, finanziato dal programma Interreg V-A Italia-Croazia 2014/2020.

Il progetto è finalizzato a condurre studi approfonditi sul nostro ingente patrimonio sommerso per individuare le migliori strategie in grado di valorizzarlo.
La tutela è imprescindibile per i nostri tesori ma è altrettanto indispensabile individuare nuove modalità che permettano di rendere accessibili queste risorse, fonte inesauribile di conoscenza e cultura.

Tra gli strumenti utilizzati per concretizzare questo obbiettivo troviamo la realtà aumentata. Questa è in grado di rendere fruibile il bene nella sua totalità e accuratezza, senza causare alcun danno.

L’INCONTRO

Nella giornata di venerdì 24, l’Auditorium Museo F. Ribezzo ha ospitato l’incontro tra gli esperti, gli operatori di settore e i cittadini. Il confronto ha interessato da un lato i risultati raggiunti dal progetto UnderwaterMuse e dall’altro le buone pratiche e le giuste azioni per la valorizzazione del nostro prezioso patrimonio.

Sabato 25, presso la Baia dei Camerini Torre S. Sabina, si è svolto l’Open day cantiere di scavo – relitto Santa Sabina 1. L’evento ha permesso ai partecipanti di accompagnare archeologi e tecnici nell’attività di snorkeling presso il meraviglioso relitto di età romana tardoimperiale di Torre S. Sabina 1.

IL RELITTO DI TORRE S. SABINA

Si tratta di uno tra i più interessanti reperti rinvenuti nel Mediterraneo, databile tra fine III – inizio IV sec. d.C. Da fine agosto, è oggetto di approfondite ricerche subacquee che vedono la collaborazione dei Dipartimenti di Studi Umanistici di Foggia e di Bari e del Dipartimento di Beni Culturali UniSalento.

Il relitto, infatti, è oggetto di un intervento pilota del progetto UnderwaterMuse. La finalità è studiare nel dettaglio il reperto per poter costruire un modellino tridimensionale della nave. Questo, in seguito, prenderà vita attraverso la realtà virtuale che consentirà una completa e ampia fruizione su tutti i livelli.

Le attività di scoperta coinvolgono anche un restauratore dell’Istituto Centrale per il Restauro. Infatti, si stanno sperimentando nuove soluzioni utili per la conservazione e il trattamento dei resti lignei. Se gli esiti saranno positivi, costituiranno un nuovo modello di buone pratiche da usare in futuro in altre situazioni analoghe previste nel progetto UnderwaterMuse.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Viaggi

Scanno va oltre l’essere un “luogo”, è un simbolo. Un simbolo dai colori azzurri e verdi, rappresentativo dell’Abruzzo. Situata nella provincia dell’Aquila, su uno...

Sanità

TRA PNRR E PROGRAMMAZIONE COERENTE La sanità digitale si trova di fronte ad un punto di svolta. Molto spesso, nel corso degli ultimi anni,...

Cultura

Il patrimonio artistico italiano La Galleria degli Uffizi è uno dei più affascinanti musei al mondo? Difficile esprimersi su questo interrogativo perché i giudizi...

Viaggi

Situato nella bassa Valle del Lamone, a metà strada tra Firenze e Ravenna, sorge il borgo medievale di Brisighella, perla incastonata nel Parco regionale...