Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

INNOVAZIONE AL FEMMINILE

Lavoro

IN CRESCITA L’INNOVAZIONE AL FEMMINILE

Negli ultimi anni è cresciuta l’innovazione femminile. Sono oltre 2mila le startup “rosa” registrate a fine settembre 2022, 572 in più rispetto allo stesso periodo del 2019 segnando una crescita, in questo biennio, del +40%. Un dato (elaborato da InfoCamere per l’Osservatorio sull’imprenditorialità femminile di Unioncamere) che lascia ben sperare.

Molte donne innovatrici – il 13,6% del totale delle start up – che hanno deciso di puntare su questa tipologia di società di capitali, specializzata nello sviluppo, nella produzione e nella commercializzazione di un prodotto o servizio ad alto valore tecnologico.

Per Andrea Prete, presidente di Unioncamere, “la crescente propensione delle donne a impegnarsi in settori imprenditoriali più innovativi, oggi in gran parte ancora appannaggio degli uomini, è un fatto certamente positivo. Speriamo che sempre più giovani vogliano seguire questo esempio, scegliendo di laurearsi in discipline Stem, oggi tanto ricercate dalle imprese”.

I SETTORI DI INVESTIMENTO

La maggior parte delle due mila startup al femminile oltre il 70% opera nei servizi alle imprese (1.455) mentre poco più del 15% nel manifatturiero (306). Quote minori invece sono destinate al commercio (4,6%) e le restanti sono attive negli altri settori economici.

Questo aumento è dovuto alla maggior presenza femminile nei settori a maggior contenuto di conoscenza: servizi di informazione e comunicazione, attività finanziarie ed assicurative, attività professionali, scientifiche e tecniche, istruzione, sanità e assistenza sociale, che oggi rappresentano quasi il 10% dell’universo femminile che fa impresa.

LA PRESENZA SUL TERRITORIO

Sono quattro le regioni dove l’innovazione al femminile concentra più del 50% del totale delle imprese guidate da donne di questa tipologia: Lombardia (470), Lazio (263), Campania (204), Emilia-Romagna (143). In valori assoluti, invece, i saldi più consistenti si sono registrati in questi due anni in Lombardia, Lazio, Campania e Toscana.

Inoltre, le imprese femminili sono più diffuse al Centro e nel Mezzogiorno, dove rappresentano oltre il 23% dell’imprenditoria totale, con punte del 27% nel Molise, del 26% in Basilicata, di oltre il 25% in Abruzzo e di più del 24% in Sicilia e in Umbria.

Startup femminili per regione – Dati al 30/09/2022
Fonte: InfoCamere – startup.registroimprese.it
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Futuro

Con l’annuale rapporto Tech Trends 2023, arrivato alla sua quattordicesima edizione, Deloitte esplora le opportunità che le nuove tecnologiche nei settori dell’interazione, dell’informazione, del...

Futuro

Dal genio di Pierpaolo Lazzarini – designer italiano – nasce Pangeos, il concept del superyacht, a forma di tartaruga marina, in grado di ospitare...

Digitale

Majesco ha recentemente rilasciato il suo ultimo report annuale intitolato “A seven-year itch: changes in insurer’s strategic priorities defined”. In questa indagine ha individuato...

Lavoro

Il 20 maggio, Palazzo Re Enzo ospiterà lo StartUp Day dell’Università di Bologna, evento dedicato alla ricerca e all’innovazione del mondo delle startup ma...