Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

salute e sicurezza nell'edilizia

Aziende & Professionisti, Lavoro

SALUTE E SICUREZZA NELL’EDILIZIA

L’INAIL è da tempo promotore e finanziatore di campagne finalizzate alla diffusione della cultura della salute e della sicurezza nell’edilizia.

Tutte le aziende che hanno adottato i giusti provvedimenti hanno assistito ad una riduzione del rischio di infortunio.

Probabilmente è grazie a questo flusso di comportamenti virtuosi che il settore delle costruzioni ha registrato una riduzione delle denunce di infortunio del 8,7% nel quinquennio 2015-2019.

I DATI  

Questa diminuzione ha interessato tutto il settore dell’edilizia e, in modo particolare, la costruzione di edifici (-22,9%) e i lavori di costruzione specializzati (-15,2%), che normalmente da soli contano il 92,4% degli infortuni totali.

Nel 2019, il 69% degli infortuni ha coinvolto lavoratori dipendenti, circa un quarto i lavoratori autonomi, il 3,9% apprendisti e l’1,7% i lavoratori somministrati.

Il 60% degli infortuni sul lavoro accade nelle regioni del Nord Italia, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto in testa. Tra le regioni del Sud spiccano tristemente la Puglia e la Sicilia.

LE PRINCIPALI CAUSE

Gli infortuni sul lavoro sono causati:

  • il 43% dalla perdita di controllo (totale o parziale) di una macchina, di un mezzo di trasporto o di attrezzatura di movimentazione;
  • il 22,6% derivano da un utensile a mano o da un oggetto;
  • il 20,7% sono legati allo scivolamento, inciampamento o caduta della persona.

Il settore delle costruzioni si conferma ad alto rischio anche a causa dell’elevato numero degli infortuni con esiti mortali. Oltre un quarto di quelli che avvengono nel mondo dell’Industria e Servizi è ricollegabile al settore delle costruzioni.

Tuttavia, la consistente riduzione avuta dal 2015 al 2019, fa sperare in un futuro migliore. Nel settore Industria e Servizi si registra un calo del 20,3% mentre nel settore dell’edilizia questa diminuzione è stata addirittura del 40%.

NON SOLO INFORTUNI

L’adozione di migliori ed efficaci misure di prevenzione ha consentito la riduzione del fenomeno infortunistico e un aumento della salute e della sicurezza nell’edilizia.

Purtroppo il cantiere edile risulta un luogo nocivo anche a causa di quelle insidiose malattie con una lenta e silenziosa evoluzione.

Nel 2019 sono state presentate all’Inail 9.016 denunce di malattie di origine professionale ad opera di lavoratori nel settore delle costruzioni.

Nell’ultimo quinquennio si è registrato un aumento delle malattie professionali denunciate dalle aziende nel settore dell’edilizia ossia dalle 7.493 nel 2015 alle 9.016 nel 2019 (un incremento del 20,3%).

Il Centro ha avuto la crescita maggiore (45,8%) seguito dal Mezzogiorno (14,9%) e il Nord (1,6%).

Queste malattie colpiscono prettamente la componente maschile dei lavoratori (in quanto è il genere prevalente) e i due terzi di essi hanno un’età compresa tra i 50 e i 64 anni.

GLI STUDI AL RIGUARDO

Uno studio dell’European Agency for Safety and Health at Working evidenziava già nel 2004 che il settore dell’edilizia è uno dei più esposti a questo genere di problematiche.

I lavoratori edili sono più soggetti dei colleghi di altri settori a soffrire di disturbi muscolo-scheletrici.

Alcuni di loro lavorano ancora esposti all’amianto, i carpentieri rischiano di sviluppare un tumore delle cavità nasali a causa delle polveri di legno.

Le polveri derivanti dai tagli e dalla lavorazione di prodotti contenenti silice cristallina (come la sabbia) sono all’origine di silicosi e gravi patologie respiratorie.

Altrettanto nocivi sono gli alti livelli di rumore e le vibrazioni legate all’utilizzo di specifici macchinari come i martelli pneumatici.

COME DIFENDERSI

Il settore delle costruzioni è un tassello importantissimo nella nostra società ed è indispensabile rendere i luoghi di lavoro più sicuri e salutari.

La prevenzione si caratterizza come uno dei pilastri fondamentali su cui agire ed è indispensabile promuovere le migliori iniziative e le più adeguate campagne.

In quest’ottica di tutela, il comparto assicurativo può intervenire come ulteriore strumento di indagine e salvaguardia sia per i dipendenti che per le aziende.

Potrebbe interessarti anche ASFALTO RICICLATO

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Condominio

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che per fruire del Superbonus effettuando l’opzione di cessione del credito è necessario trasmettere moduli distinti per ogni intervento effettuato....

Condominio

L’intervento di sostituzione della serratura non dà l’accesso al bonus mobili se non in alcuni casi specifici. Qui il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate. Una...

Mare

Durante la trasmissione di domenica scorsa della trasmissione: “Che tempo che fa” Papa Francesco è tornato a trattare i temi dell’ambiente e della biodiversità...

Legge

Riflessioni sulla compatibilità a costituzione della decretazione di urgenza che proroga l’obbligo vaccinale per i sanitari ed estende lo stesso ad altre categorie di...