Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

SEA-UNICORN

Mare, Mondo

SEA-UNICORN: UNA SFIDA PER SALVARE GLI OCEANI

La complessità degli ecosistemi marini e l’importanza degli oceani sono i motori propulsori che hanno generato la nuova COST Action europea SEA-UNICORN.

Il progetto consiste in una rete internazionale di ricerca finalizzata a studiare la Connettività Funzionale Marina (MFC: Marine Functional Connectivity), ossia le complesse relazioni che intercorrono tra le specie e gli habitat marini.
Capire in modo approfondito il loro funzionamento è indispensabile per il raggiungimento di uno sviluppo sostenibile dei mari di tutto il nostro pianeta.

UNA QUESTIONE MONDIALE

Gli oceani ricoprono più del 70% della superficie terrestre. Sono indispensabili per la regolazione del clima e, attualmente, le risorse marine rappresentano la settima economia al mondo.

L’azione dell’uomo, a causa della pesca eccessiva e del cambiamento climatico provocato da alcuni nostri comportamenti, sta causando una massiccia perdita della biodiversità marina con conseguente compromissione della salute degli ecosistemi.

Un esempio?
Nell’ultimo secolo, il 90% dei principali predatori marini è scomparso e molti habitat costieri e oceanici sono stati distrutti o gravemente degradati.

È fondamentale lavorare in modo sinergico per una gestione sostenibile degli oceani. Considerando anche che, al momento, le azioni adottate per la loro protezione sono molto inferiori rispetto a quelle per gli habitat terrestri.

Il progetto SEA-UNICORN ha, quindi, un approccio globale fondamentale per raggiungere una maggior salute mondiale. Attraverso una conoscenza articolata delle connessioni che intercorrono tra le popolazioni e gli habitat marini, si potranno intraprendere le giuste azioni. Occorre agire per conservare le specie più vulnerabili e controllare la diffusione di organismi invasivi. Inoltre, le ricerche condotte permetteranno di costruire reti efficaci di aree protette e promuovere una gestione sostenibile della pesca.

Audrey Darnaude scienziata del Centre National de la Recherche Scientifique (Francia) e presidente di SEA-UNICORN, ha dichiarato:

“Migliorare la nostra conoscenza e comprensione della connettività marina è la chiave per garantire un’economia blu sostenibile nei prossimi decenni. Negli oceani, gli habitat e le risorse viventi sono intrinsecamente interconnessi, ma le nostre conoscenze su queste connessioni sono ancora limitate e queste dinamiche sono quindi ampiamente trascurate nei processi decisionali per la gestione dei mari”.

IL RUOLO DELL’UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

SEA-UNICORN mette in relazione più di cento istituzioni europee ed extra-europee. Una comunità interdisciplinare di scienziati, responsabili politici e specialisti del mare provenienti da tutto il mondo per promuovere una conoscenza unificata e condivisa.

All’interno del gruppo di lavoro c’è anche l’Università di Bologna con la professoressa Federica Costantini del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali. Il team mira a promuovere la consapevolezza globale sull’importanza ecologica ed economica della Connettività Funzionale Marina. L’obiettivo finale è inserire queste conoscenze nei processi decisionali per la gestione e conservazione degli habitat marini.

“La Connettività Funzionale Marina caratterizza tutti i flussi migratori di organismi marini che determinano l’interdipendenza tra popolazioni, specie ed ecosistemi in mare e nelle aree tra terra e mare. Conoscere da vicino queste connessioni ci permette di comprendere meglio le complesse relazioni tra specie o comunità marine e i diversi habitat in cui si trovano, migliorando così notevolmente la nostra capacità di sviluppare nuove strategie di conservazione delle coste e dei mari”.

Federica Costantini, professoressa del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali
UNA VASTA RETE INCLUSIVA

Il progetto SEA-UNICORN ci farà esplorare dai più piccoli microrganismi marini fino alle balene creando, contemporaneamente, una nuova sinergia tra scienziati e istituzioni di tutto il mondo.

Un momento di studio e confronto che permetterà di integrare le conoscenze ottenute per la gestione sostenibile dei mari con nuove possibili implicazioni economiche ed eventuali futuri rischi.

Potrebbe interessarti anche: CONFITARMA FIRMA LA DICHIARAZIONE PER LA REPRESSIONE DELLA PIRATERIA NEL GOLFO DI GUINEA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Mare

Il settore marittimo svolgerà un ruolo fondamentale nel trasporto dei carburanti verdi necessari per raggiungere gli obiettivi climatici globali, almeno da quanto emerge dal...

Ambiente

A Grosseto sarà avviata la raccolta automatica dei rifiuti dei fiumi, prima che questi raggiungano le acque marine. Si chiama River Cleaner Float e...

Ambiente, Storie

A vincere il concorso “Save the Wave App Challenge”, ideato dalla Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO, è Ocean Savior, il videogioco creato dalla classe 5E...

Mare

Alla COP 27 di Sharm El Sheikh è stato presentato dalle organizzazioni della stessa Onu, degli armatori e dei sindacati un nuovo Piano d’azione...