Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

vaccini e dark web

Cybersecurity

VACCINI E ANNUNCI-FAKE SUL DARK WEB

Una nuova truffa sta spopolando sul dark web: vaccini contro il Covid-19 in cambio di un pagamento tramite bitcoin… Annunci-fake che vedono i malcapitati pagare per non ricevere nulla!

Questa segnalazione viene dalla società Check Point che ha segnalato oltre 340 annunci, il 400% in più rispetto a dicembre. Oltre al numero di annunci anche la richiesta di denaro è aumentata esponenzialmente: da 250 a 500 dollari per arrivare, in alcuni casi fino a mille dollari.

Con l’aumento dei vaccini approvati, anche la gamma di marche dei venditori è cambiata. Prima offrivano vaccini “made in China” senza marchio e non approvati dalla FDA. Ora, invece, vengono pubblicizzati i marchi approvati dalla FDA o non ne specificano il marchio.

PROVE D’ACQUISTO

La società informatica, per verificare l’attendibilità degli annunci, ha ordinato una dose di vaccino. Il contatto è avvenuto tramite Telegram, app di messaggistica crittografata, in cui gli è stato proposto un vaccino, con produzione cinese, per 750 dollari in bitcoin. Una volta avvenuto il pagamento e l’invio dei dati per la consegna, l’account del venditore è stato cancellato e la merce mai consegnata. Questo conferma la poca affidabilità di una transazione dark net.

Check Point ha precisato che tutti i pagamenti venivano richiesti in bitcoin per mantenere proprio il pagamento anonimo, anche se negli ultimi tempi c’è, anche per questa criptovaluta, una tracciabilità maggiore.

Inoltre, la società ha notato che diversi fornitori propongono non solo iniezioni singole ma dosi di vaccino all’ingrosso. Uno dei fornitori da loro contattati, ad esempio, affermava di poter vendere un totale di 10.000 fiale per un prezzo totale di 30.000 dollari.

Un altro, invece, si è offerto di vendere un vaccino Covid-19 non specificato per circa 300 dollari di bitcoin affermando che erano necessarie 14 dosi contro le due dosi richieste dai molti vaccini approvati.

DA COSA DIPENDE QUESTA CRESCITA DI ANNUNCI-FAKE?

Check Point ha spiegato che ritiene “che ciò sia dovuto a un picco nella domanda da parte di persone che non desiderano aspettare settimane o mesi per ricevere la vaccinazione dai governi dei loro Paesi”.

Sfortunatamente – aggiunge la società – , mentre la maggior parte di noi guarda al vaccino con speranza, ci sono alcuni che guardano alla pandemia con avidità e malizia, allo scopo di capitalizzare le preoccupazioni delle persone sul Covid-19 e il desiderio di essere protetti contro il rischio di prenderlo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Legge

Giovedì 8 aprile 2021 si è tenuto il primo convegno annuale della Rivista scientifica “Penale – Diritto e Procedura” edita da Pacini Giuridica dal...

Cultura

Giovedì 25 marzo si è tenuto un webinar sulla mostra di Giambattista Piranesi,“Sognare il sogno impossibile”, allestita all’interno dell’Istituto centrale per la grafica, a...

Cybersecurity

Dopo la rivoluzione del settore “mobile” che ha portato dal cellulare allo smartphone da qualche anno a questa parte, la rivoluzione smart sta interessando...

Cybersecurity

Il mondo delle distanze sociali e delle solitudini, improvvisamente si vede arricchito di una moltitudine di presenze nell’etere che ci fanno sentire meno soli...