Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

consumi, e-commerce in rapida crescita

Digitale

E-COMMERCE IN RAPIDA CRESCITA

La pandemia ha portato ad un incremento della digitalizzazione e anche l’e-commerce ha visto una rapida ascesa.

L’Osservatorio ‘The World after Lockdown’, curato da Nomisma e Crif che analizza l’impatto del Covid-19 sulle vite dei consumatori, ha rilevato un incremento dell’acquisto attraverso canali digitali di: prodotti alimentari (aumento del 37% dei food shopper) e beni non alimentari (aumento del 24%).

Già a Febbraio, il report “Digital 2020” aveva evidenziato come, in Italia, sono quasi 50 milioni gli “internet user” su base regolare e che 35 milioni sono attivi sui canali social.

Oltre all’aumento rispetto al 2019 delle persone online è stato registrato anche un aumento del tempo che si trascorre connessi: 6 ore collegati ad internet ogni giorno e 1 ora e 57 minuti sui social. Registrato anche un incremento di 1-2 punti percentuali rispetto al 2019 sul fronte e-commerce.

dal report Digital 2020 le attività e-commerce
Fonte: Report “Digital 2020” sull’attività di e-commerce
E-COMMERCE, LA NUOVA SMART ATTITUDE

Sempre dal ‘The World after Lockdown’ emerge che il 70% degli italiani tra 18 e i 65 anni ha effettuato almeno un acquisto online nell’ultimo anno, prendendo in considerazione tutti i beni di largo consumo, abbigliamento, elettronica e tutti gli altri semi-durevoli.

Invece, sono oltre 19 milioni gli acquirenti online dei soli prodotti di largo consumo come alimenti, bevande, prodotti per la cura della casa e della persona e via dicendo.

IL CARRELLO ALIMENTARE DIGITALE

Tra i pro della spesa online, secondo il sondaggio, spicca, per i 27%, la possibilità di acquisto 24 ore su 24, a seguire, per il 18%, l’evitare le code al supermercato e poter fare la spesa con maggiore calma, infine, il 17% sceglie questa modalità per non doversi spostare dalla propria abitazione.

Sul fronte opposto, invece, il 37% dichiara che preferisce acquistare i prodotti nel punto vendita, seguito dal 21% che preferisce scegliere personalmente i prodotti da acquistare. Il 19% ritiene che i costi dell’acquisto online siano più altri: il 10% per i costi della spedizione mentre il 9% ritiene che i prezzi dei prodotti sul web non siano sempre convenienti.

Per quanto riguarda le modalità, nonostante il 73% della spesa alimentare online avviene attraverso la grande distribuzione, il 32% utilizza anche altri canali come i pure players ed i siti di vendita online specializzati in food & beverage.

La modalità preferita di consegna rimane quella diretta al proprio domicilio (modalità preferita dal 78%) mentre il 16% sceglie ritiro presso il punto vendita.

Fonte: Osservatorio Nomisma-CRIF- The World After Lockdown
Fonte: Osservatorio Nomisma-CRIF- The World After Lockdown
I PRODOTTI NON FOOD

Anche per i prodotti non food si è registrato un aumento di oltre il 5% rispetto al 2019.

I marketplace come Amazon o Ebay sono tra i preferiti dal 69% seguiti dall’11% dai negozi online specializzati anche se per ogni categoria di prodotto ci sono delle preferenze nei canali utilizzati.

La tendenza evidenzia un ulteriore probabile incremento degli acquisti digitali: l’83% degli utenti, infatti, si ritiene soddisfatto del servizio offerto dalle piattaforme generaliste anche se la percentuale di gradimento dei negozi plurimarca è più alto degli shop online monomarca (75% contro il 64%).

IL MEAL DELIVERY

Anche per il meal delivery e l’asporto si è registrata una crescita degli acquisti: un incremento del +19% rispetto al 2019 pari a 706 milioni di euro (Fonte: Rapporto Coop 2020) dovuto anche alle restrizioni istituzionali per contrastare la pandemia.

In questo anno, infatti, il meal delivery ha quasi quintuplicato le vendite rispetto al 2016 e si calcola che almeno 7 italiani su 10 hanno fatto ricorso all’acquisto di piatti pronti. Le piattaforme di consegne sono per il 28% le preferite ma un 12% degli italiani predilige ordinare direttamente dall’esercente.

Questa tendenza è in continua crescita e si prevede che nel 2021 la quota di italiani che utilizzeranno questi servizi salirà all’82%.

Potrebbe interessarti anche: EXPORT.GOV.IT, PER FAVORIRE LO SVILUPPO DELLE IMPRESE ITALIANE

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Viaggi

I cambiamenti nei comportamenti e nelle abitudini delle persone sono ormai sotto gli occhi di tutti e con loro cambiano anche le esigenze in...

Aziende & Professionisti, Lavoro

A margine del rilascio dei primi dati del 7° Censimento generale dell’Agricoltura dell’Istat – i risultati definitivi verranno diffusi nella primavera del 2022 e...

Cultura

Dopo due anni neri per le istituzioni culturali italiane registrano una crescita delle entrate del 36% delle entrate per i musei e del 23%...

Lavoro

Nei giorni scorsi, la Copagri Lazio ha dato un nuovo slancio al settore delle agroenergie attraverso un accordo di collaborazione siglato con il Centro...