Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

Lavoro nuovo

Lavoro

IL “LAVORO NUOVO”

Da uno studio realizzato da The Adecco Group: “Resetting Normal: Defining the New Era of Work”, in otto Paesi presi a campione, emerge l’aspettativa, tra dipendenti e manager, di una nuova modalità di lavoro.

Tra i principali punti emersi ci sono:

  • maggiore flessibilità
  • lavoro in ufficio alternato al lavoro a distanza
  • rimodulazione della settimana lavorativa.
IL MODELLO “IBRIDO”

Il futuro è flessibile”. Il lock-down e lo smart-working hanno modificato drasticamente il modo di lavorare. Lo studio in esame evidenzia come in questo breve periodo l’atteggiamento stesso del lavoratore è cambiato e mette in luce alcune mancanze che i datori di lavoro dovranno colmare per riposizionarsi nella prossima nuova era di lavoro.

L’idea di poter trascorrere metà del tempo in ufficio e metà lavorando a distanza – si legge – ha ottenuto riscontri positivi indifferentemente dalla generazione di appartenenza e dall’essere o meno genitori”.

È la fine della giornata lavorativa 09-18? Il 71% dei lavoratori intervistati ritiene che sia giunto il momento di rivedere la durata della settimana lavorativa e che il contratto dovrebbe basarsi sulla produttività e non sulle ore di lavoro svolte.

LA SITUAZIONE IN ITALIA

In Italia i dati sono in linea con gli altri Paesi. I lavoratori sono consapevoli che lo stato di emergenza ha portato una richiesta di aggiornamento sempre maggiore delle competenze. Il 70% ritiene di aver migliorato le proprie skill digitali e il 72% cerca di incrementarle ulteriormente.

Inoltre, si è creata l’esigenza di nuove competenze di leadership: il 74% degli intervistati vorrebbe che i propri manager adottino linee guida incentrate su empatia e supporto ai dipendenti.

I datori di lavoro comunque, per l’85%, hanno avuto un feed positivo sulla gestione lavorativa durante l’emergenza Covid-19. “Nonostante il futuro del lavoro in Italia sia una responsabilità collettiva – emerge dallo studio –, le opinioni sull’argomento sono discordanti: il 75% ritiene sia una responsabilità del proprio datore di lavoro e il 77% crede sia una responsabilità del governo”.

Abbiamo potuto esplorare molti aspetti del “pensiero aziendale” dei diversi lavoratori che fino a poco fa erano impensabili. Non ci resta che vedere quali saranno i reali cambiamenti che ci aspettano.

Potrebbe interessarti anche: IL LAVORO E LE SUE EVOLUZIONI

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Lavoro

Anche in questo anno, The Adecco Group ha presentato la quarta edizione del rapporto “Global Workforce of the Future“. Attraverso sondaggi condotti su un...

Lavoro

I RISULTATI DELL’INDAGINE EY-SWG Da una recente indagine realizzata da EY con SWG è emerso che, sebbene il mondo del lavoro in Italia sia...

Lavoro

Il lavoro è uno dei principali fattori che consente ad una persona di realizzarsi e di vivere in un certo benessere. Spesso però avere...

Lavoro

La crescente domanda di professionisti ICT (+116%) negli ultimi quattro anni ha reso sviluppatori software ed esperti di ingegneria delle reti e dei sistemi...