Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

Viaggi

VIAGGIO IN SARDEGNA: LE INCREDIBILI DUNE DI PISCINAS

Anche se l’estate è ormai alle nostre spalle, vogliamo condividere il ricordo di un viaggio “fuori stagione” in Sardegna. Nella parte sud-occidentale dell’isola, vicino ad Arbus, c’è un’oasi lontana da tutto. Un’enorme duna di sabbia, fine e dorata, modellata dal maestrale che si estende per 2 km quadrati e alta fino a 60 metri: le Dune di Piscinas. Un paesaggio mozzafiato incluso tra le spiagge più belle del mondo da National Geographic.

Dopo aver percorso sentieri sterrati e sabbiosi, ci si imbatte in questa immensa distesa dorata, che si fonde all’orizzonte con l’azzurro del mare e del cielo. Le dune di sabbia brillante, dichiarate patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, si mescolano ai colori della macchia mediterranea. Qui la vegetazione cresce rigogliosa: ginepri dai rami contorti, lentischi e olivastri che formano piccoli boschetti e, in primavera, violacciocca, giglio di mare e papavero della sabbia. Questo è il luogo ideale per avvistare il cervo sardo e osservare le tartarughe marine che depongono le uova sulla riva.

Per raggiungere le dune di Piscinas bisogna passare per Ingurtosu, un piccolo borgo, oggi fantasma, che fa parte del parco geominerario della Sardegna e che, per oltre un secolo, è stato centro direzionale delle miniere vicine, facenti capo al complesso di Montevecchio. Sulla spiaggia e tra le dune, infatti, ci sono i convogli abbandonati che provengono proprio da Montevecchio.

Le dune di Piscinas sono attraversate dal Rio Piscinas, un torrente conosciuto come “fiume rosso” per il colore rossastro delle sue acque provenienti in parte dalle gallerie della miniera dismessa di Naracauli. La miniera è un grande relitto color ruggine che ha tutto il fascino dei posti abbandonati e dimenticati in mezzo a una natura generosa. Si può raggiungere la miniera seguendo i binari che arrivano fino alla spiaggia.

L’impatto paesaggistico delle Dune di Piscinas lascia senza fiato, ammirando un frammento di Africa impreziosito dalla peculiarità della macchia sarda. Questo prodigio della natura è una meta irrinunciabile per chi vuole trascorrere una vacanza in Sardegna fuori stagione e lontano dai circuiti rumorosi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Viaggi

Un tempo conosciuto come “Murri de Valle”, cioè “Forte sulla Valle”, questo borgo mantiene ancora oggi la sua bellezza originaria. Situato sulla sommità di...

Viaggi

Nel Parco Regionale Terra delle Gravine in Puglia, situato tra l’altopiano delle Murge e il Mar Ionio, tra il Salento e la Valle d’Itria,...

Viaggi

Scanno va oltre l’essere un “luogo”, è un simbolo. Un simbolo dai colori azzurri e verdi, rappresentativo dell’Abruzzo. Situata nella provincia dell’Aquila, su uno...

Viaggi

Situato nella bassa Valle del Lamone, a metà strada tra Firenze e Ravenna, sorge il borgo medievale di Brisighella, perla incastonata nel Parco regionale...