Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

Le nuove città

Aziende & Professionisti, Lavoro

LE NUOVE CITTA’

La storia ci insegna che le città possono essere il punto di partenza di nuove importanti evoluzioni per il genere umano.

È già successo in passato a causa della peste e di catastrofi naturali e potrebbe succedere anche oggi con il Covid-19.

In particolare, le città sono organismi dinamici e resilienti che mutano con gli esseri viventi (uomo compreso).

In un futuro ipotetico, potrebbero scomparire alcune realtà che conosciamo e potrebbero sorgerne delle altre che oggi difficilmente immaginiamo.

STRUMENTI E STRATEGIE

Molti discutono della possibile nascita delle “città aumentate”. Queste sono dotate di strumenti e strategie per affrontare le criticità con soluzioni innovative e sono in grado di ridurre i costi, di eliminare gli sprechi e aumentare il welfare di tutti i suoi cittadini.

Specificatamente sono modelli di «città a quindici minuti» dove raggiungere la scuola, i negozi, i servizi in pochissimo tempo, dotati di spazi multifunzionali in grado di adattarsi a molteplici finalità ed esigenze.

POSSIBILI INTERVENTI

I progetti ipotizzati per le nostre città sono molti e si parla di: cinema riconvertiti in parcheggi, marciapiedi trasformati in piste ciclabili, parchi adibiti a spazi scolastici, trasformazione di parcheggi in ristoranti, spazi destinati al gioco o all’attività sportiva nel rispetto della giusta distanza di sicurezza.

Gli spazi dismessi potrebbero avere una nuova vita, in particolare si potrebbero riconvertire in teatri, cinema, musei e servizi per il tempo libero.

I quartieri diventerebbero i cuori pulsanti di questa trasformazione dove far sorgere orti, attività produttive e spazi per una vita relazionale sicura e ben distribuita.

Ogni zona della città sarebbe collegata da una fitta rete di strade pedonali e ciclabili. Si incentiverebbe l’uso delle auto elettriche per integrare un complesso e ben organizzato sistema di mezzi pubblici.

A tal proposito per potenziare la viabilità si potrebbero riutilizzare ferrovie in disuso, strade secondarie e in alcuni casi anche i vicoli cittadini.

Leggenda? Forse no perchè alcuni primi esperimenti stanno già trovando vita a Parigi, Barcellona e Milano.

Lavora in questa direzione il Bando Reinventing Cities per il Comune di Milano, promosso da C40.

Questo “prevede l’alienazione di siti dismessi o degradati da destinare a progetti di rigenerazione ambientale e urbana, nel rispetto dei principi di sostenibilità e resilienza”.

https://www.ordinearchitetti.mi.it/it/notizie/dettaglio/10410-reinventing-cities-2020-61-proposte-per-7-siti-milanesi

Si può prevedere che bisognerà investire in: infrastrutture, banda larga, digitalizzazione e in una diffusa alfabetizzazione informatica.

In particolare non possiamo fare a meno di chiederci: quali cambiamenti potrebbero nascere in seguito a tutte queste novità?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Ambiente

Anche quest’anno il Rapporto “MobilitAria 2024”, realizzato da Kyoto Club e dall’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (IIA-CNR), analizza i dati della...

Sanità

TRA PNRR E PROGRAMMAZIONE COERENTE La sanità digitale si trova di fronte ad un punto di svolta. Molto spesso, nel corso degli ultimi anni,...

Lifestyle

Il report del WWF, intitolato “Persone, città e natura: rinnovare l’ambiente urbano per migliorare la salute”, ha evidenziato un fortissimo incremento delle aree urbane...

Mondo

Con circa 6 400 lanci effettuati, 15.700 satelliti in orbita di cui 8.300 ancora operativi, la quantità di satelliti e di detriti nello spazio...