Seguici sui nostri social

Stai cercando qualcosa in particolare?

vela

Mondo

WISAMO: LA NUOVA VELA AUTOMATIZZATA E GONFIABILE

Durante Movin’On 2021, il summit globale dedicato alla mobilità sostenibile, è stata presentata la nuova vela della Michelin “Wing Sail Mobility” (Wisamo).

COS’È WISAMO?

Wisamo è un’innovativa vela automatizzata, telescopia e gonfiabile. È concepita con un design che le permette di sfruttare al meglio il vento come propulsore, consentendo alla nave di consumare una quantità minore di carburante. In questo modo, le navi avranno un impatto ambientale inferiore grazie al rilascio di una minore quantità di emissioni di CO2.

Un altro aspetto interessante della nuova vela è che può essere installata sia su navi mercantili che su imbarcazioni private.
Gli addetti della Michelin hanno spiegato che questo prodotto è perfettamente idoneo per le navi cargo, portarinfuse e petroliere. In ogni caso, è possibile montarla senza problemi non solo come equipaggiamento originale ma anche su navi e strutture già esistenti.

La vela ha un ampio raggio d’azione dell’ala, adatto a molte andature diverse, e può essere impiegato in tutte le rotte marittime. Il suo albero telescopico retraibile incrementa l’efficienza propulsiva fino al 20% e consente un facile ingresso della nave in porto e un agevole passaggio sotto i ponti.

UN LAVORO DI SQUADRA

Il progetto è stato realizzato dal reparto Ricerca & Sviluppo Michelin in collaborazione con due inventori svizzeri, molto legati al tema della sostenibilità, e con Michel Desjoyaux. Quest’ultimo è un famoso skipper conosciuto in tutto il mondo per le sue imprese sportive in mare. È diventato ambasciatore ufficiale del progetto e ha supportato gli ingegneri della Michelin nel perfezionamento e nello sviluppo di Wisamo. In questo modo, Michel Desjoyaux potrà realmente testare questo innovativo modello di vela in reali viaggi e spostamenti marittimi.

“Il vantaggio del vento come forma di propulsione è che è una fonte di energia pulita, gratuita, universale e priva di controversie. Il sistema offre un canale molto promettente per migliorare l’impatto ambientale delle navi mercantili”.

Michel Desjoyaux, skipper e ambasciatore del progetto Michelin “Wing Sail Mobility”
IL VOLTO GREEN DELLA MICHELIN

La Michelin è parte di quel gruppo di aziende che hanno deciso di impegnarsi per realizzare e trasformare i mezzi di trasporto, in un’ottica più sostenibile ed ecocompatibile.

Il progetto della vela Wisamo vuole contribuire alla decarbonizzazione dei trasporti marittimi così come voluto degli obiettivi per la riduzione delle emissioni, fissati dall’International Maritime Organization (Imo) per il 2030 e il 2050.

La prima vela del progetto verrà installata su una nave mercantile nel 2022. Nello stesso anno la Michelin prevede di concludere la fase di test del prodotto e di avviare la produzione. Una tecnologia importante che potrebbe attuare dei cambiamenti significativi dai risvolti inattesi che non vediamo l’ora di scoprire.

Questa nuova tecnologia darà sicuramente vita a nuovi panorami di rischio, spesso privi di statistiche e analisi specifiche. Il mondo assicurativo e finanziario giocherà un ruolo fondamentale per far fronte a possibili necessità e per sostenere adeguatamente nuovi progetti e tecnologie attraverso l’adeguamento e lo sviluppo di idonei programmi.

Potrebbe interessarti anche: ARI, IL ROBOT UMANOIDE CON CUI SOCIALIZZARE

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Articoli correlati

Ambiente

Gli ecosistemi dell’Adriatico sono dotati di grande resilienza in quanto la fauna marina è riuscita ad adattarsi alle trasformazioni climatiche avvenute negli ultimi 130.000...

Mare

Durante il Convegno Progetto Mare, organizzato da Confindustria il 12 maggio 2022, Mario Mattioli, presidente Confitarma e Federazione del Mare, è intervenuto alla tavola...

Mare

È di pochi giorni fa la notizia dell’approvazione definitiva della Legge Salvamare, un risultato storico per il mare e la tutela del pianeta. Dopo...

Mare

Il 5 aprile, a Genova, si è tenuto il festival di Osservatorio Artico, “Italia chiama Artico”. Nel corso dell’evento è stato affrontato il tema...